Nuovo Paradigma

COUNSELING RELAZIONALE PER PSICOLOGI

Uno strumento essenziale per aiutare i clienti/pazienti a comprendere e gestire le problematiche di comunicazione e relazione: nella coppia, in famiglia, a scuola e sul lavoro

Corso di Perfezionamento – I livello

Durata: 4 weekend lunghi (Ven-Sab-Dom) a cadenza mensile – inizio 13-14-15 Gennaio 2023

Premessa

La relazioni interpersonali sono uno dei fattori che più incidono, in bene o in male, sulla qualità della vita e la salute mentale e psicofisica delle persone. Esse sono anche determinanti per lo sviluppo psicologico e sociale dei bambini, influenzado la formazione della personalità e dell’identità, lo stile comunicativo e la capacità di resilienza.

Gli psicologi sono però tutt’altro che preparati a gestire le problematiche relazionali di adulti e bambini, a causa di una grave lacuna del sistema universitario italiano che, per vari motivi, ha finora quasi del tutto trascurato la sfera comunicativo-relazionale, assente o marginale sia nei corsi di laurea in psicologia sia in quelli di specializzazione in psicoterapia, ad eccezione di alcuni orientamenti quali l’AT, la SR e pochissimi altri.

Scopo del presente corso di perfezionamento – rivolto a psicologi, psicoterapeuti e psichiatri – è di contribuire a colmare le loro lacune formative in merito ai processi comunicativo-relazionali e alle connesse dinamiche emozionali, proponendo al contempo alcune semplici metodologie e tecniche “diagnostiche” e di intervento per aiutare i pazienti a migliorare la qualità delle relazioni più o meno disfunzionali in cui sono coinvolti.

Obiettivi formativi:

  • Apprendere scopi, principi e metodi del counseling relazionale.
  • Contestualizzare la crisi e trasformazione delle relazioni interpersonali all’interno dei più ampi processi di mutamento sociale, culturale e interculturale in atto negli ultimi decenni.
  • Sviluppare una più profonda comprensione delle dinamiche interpersonali funzionali e disfunzionali negli ambiti della coppia, della famiglia, della scuola e del lavoro.
  • Sviluppare la capacità di distinguere tra dinamiche funzionali e dinamiche disfunzionali al di là dei luoghi comuni e degli schemi culturali sia dei soggetti coinvolti sia dello stesso psicologo.
  • Apprendere come individuare le carenze socio-affettive dei pazienti, i surrogati affettivi da loro abitualmente ricercati e le strategie di manipolazione a tal fine utilizzate.
  • Apprendere alcune semplici modalità di ascolto, comunicazione assertiva e interazione non manipolative da insegnare poi ai pazienti.

Programma

MODULO I – I processi comunicativo–relazionali e le connesse dinamiche affettivo-emozionali

  • Scopi, principi e metodi del counseling relazionale. Differenze e affinità tra counseling e psicoterapia. Le specificità del counseling relazionale integrativo.
  • La rivoluzione interpersonale: come e perché sono cambiati i bisogni e le modalità di relazione
  • Effetti positivi e negativi della rivoluzione interpersonale: in famiglia, a scuola, nella coppia, sul lavoro.
  • Un approccio olistico sistemico ai processi comunicativo-relazionali: la CO.R.E. Psychology e l’interdipendenza tra Comunicazione – Relazione – Emozioni – Consapevolezza.
  • Le emozioni e il loro ruolo adattivo. Le 3 categorie della sofferenza emozionale: appropriata, eccessiva e infondata/autogenerata; analisi di casi
  • Genesi e gestione della sofferenza emozionale; analisi di casi; esercitazioni di rilassamento corporeo e emozionale.
  • l 5 assiomi della comunicazione secondo la Scuola di Palo Alto; esercitazione su: accettazione, rifiuto, disconferma
  • Teoria dei bisogni e dei surrogati affettivi; le 4 strategie manipolative per ottenere il surrogato del potere; analisi di casi; esercitazioni per individuare le strategie dei propri genitori e le proprie
  • le 4 strategie manipolative per ottenere il surrogato dell’approvazione; analisi di casi; esercitazioni per individuare le strategie dei propri genitori e le proprie

MODULO II – Le relazioni di coppia

  • follow-up rispetto al modulo precedente e alla applicazione di quanto in esso appreso
  • attrazione e innamoramento tra affinità e complementarità
  • innamoramento come riscatto dalle carenze affettive subite nell’infanzia; analisi di casi
  • le dinamiche proiettive nell’innamoramento
  • la relazione di coppia come confronto con l’ombra; sub-personalità primarie e rinnegate; analisi di casi
  • il mito dell’androgino di Platone e il concetto di anima gemella
  • Le differenze tra maschi e femmine a livello di mentalità, affettività, sessualità, comunicazione e aspettative; analisi di casi
  • Imparare a riconoscere i partner psicologicamente più adatti (o almeno a scartare quelli meno compatibili); analisi di casi
  • ascoltare e comunicare in modo più efficace e assertivo; esercitazioni di ascolto attivo e di comunicazione assertiva
  • gestire le proprie e altrui emozioni; analisi di casi; esercitazioni
  • affrontare e risolvere costruttivamente i conflitti; analisi di casi; esercitazione

MODULO III – Le relazioni genitori – figli

  • follow-up rispetto al modulo precedente e alla applicazione di quanto in esso appreso
  • Il contrasto tra ciò che è ritenuto educativamente “buono” dalla cultura di appartenenza e ciò che la ricerca psicologica e sociologica ha riscontrato essere realmente tale
  • Il contributo dell’analisi transazionale: le categorie di “genitore affettivo” (positivo e negativo) e di “genitore normativo” (positivo e negativo); analisi di casi
  • I ricatti affettivi e la teoria dei giochi di Berne;
  • Copioni, ingiunzioni copionali, controcopioni; analisi di casi
  • come e perché è cambiato il ruolo di genitore e quello di figlio
  • i nuovi bisogni dei genitori, dei figli e del sistema familiare.
  • l’educazione dei figli nella visione del nuovo paradigma: le diverse dimensioni coinvolte (corporea, emotiva, cognitiva, relazionale, coscienziale); il rapporto di interdipendenza tra tali dimensioni e l’importanza di un loro sviluppo armonico.
  • le buone intenzioni non bastano, ovvero: ciò che conta non è quanto i genitori amano i figli ma come riescono a tradurre tale amore in comportamenti virtuosi (funzionali).
  • Dietro le quinte della relazione genitore-figlio: poco amore, troppo amore e amore malato. L’importanza di distinguere tra amore, approvazione e controllo.
  • principi e strumenti per migliorare il dialogo tra genitori e figli.
  • rispettare la diversità cioè capire che i nostri figli sono diversi da noi per età, carattere, bisogni, mentalità e accettare che la loro essenza non può essere cambiata.
  • l’importanza dell’ascolto e le tecniche di ascolto passivo e attivo; empatia, ovvero l’ascolto delle emozioni dell’altro
  • l’importanza di esprimersi con chiarezza ma senza asprezza; tecniche di comunicazione assertiva (fare richieste in modo costruttivo – fare critiche senza aggredire – dire di no senza far sentire l’altro respinto – esprimere i propri bisogni senza vergogna etc.).
  • l’importanza di affrontare costruttivamente i conflitti e alcune semplici tecniche per farlo.

MODULO IV – Applicare in seduta le teorie e gli strumenti appresi

  • follow-up rispetto al modulo precedente e alla applicazione di quanto in esso appreso
  • Procedure di assessment per il counseling relazionale individuale, di coppia e familiare; analisi di casi;
  • sedute in simulata a coppie e terne; condivisione e supervisione
  • Modelli e strumenti diagnostici con prevalente riferimento ai seguenti orientamenti: Psicologia sistemico-relazionale; Psicologia dei sé e voice dialogue; Analisi transazionale; Psicologia degli enneatipi; analisi di casi;
  • sedute in simulata a coppie e terne; condivisione e supervisione
  • Strumenti e tecniche di intervento con prevalente riferimento ai seguenti orientamenti: psicologia sistemico-relazionale; voice dialogue; analisi transazionale; teoria dei surrogati affettivi e connesse strategie manipolative; analisi di casi;
  • sedute in simulata a coppie e terne; condivisione e supervisione
  • Conclusione del corso di primo livello e indicazioni per ulteriori approfondimenti

Docenti: Prof. Enrico Cheli, psicologo psicoterapeuta, ideatore e direttore (dal 2001 al 2014) del primo master universitario italiano in counseling relazionale – Prof.a Cristina Antoniazzi, psicologa, psicosomatista e docente universitaria.

Quota di partecipazione: € 250 per ciascun modulo di 2 giornate e mezza

Per ulteriori informazioni e iscrizioni inviare una email a: info@nuovoparadigma.org o telefonare al n. 3714239883